La Trattoria VACCESE ha una storia molto antica ed importante.

L’inizio di questa attività si può infatti far risalire intorno al 1913, quando il bisnonno Natale intraprese questa fantastica avventura che tutt'ora viene seguita con passione e tenacia.

Natale era capo maestranze di un gruppetto di operai addetti al consolidamento degli argini del fiume Bacchiglione nel tratto Padova-Vicenza.

Durante appunto, questo periodo, il bisnonno riuscì a carpire dagli operai (di origine vicentina)  e dalle massaie  vicentine, alcune ricette tradizionali.

Tra queste, le ricette per la preparazione del Baccalà.

Essendo tempi difficili e dovendo anche sfamare numerosi figli e nipoti, il bisnonno Natale, decise di avviare l’attività “dell’Antica Osteria VACCESE”.

I piatti erano decisamente semplici e poveri ma sicuramente i sapori di una volta risultano ancora essere ricercati ed apprezzati.

Agli inizi del ‘900, Natale tramandò attività e pietanze, al figlio Augusto ed alla moglie Olga, che ampliarono i locali ed introdussero altre vivande.

La cittadina Saccolongo (sede dell’allora ed attuale trattoria), attraversata dalla Strada Provinciale che collega la provincia di Padova con Vicenza, risultava essere un’ideale zona di riposo per coloro che trasportavano mercanzie.

A quel tempo, i conducenti dei carri trainati da animali, facevano volentieri sosta e gustavano con piacere: Pasta e Fagioli, Bigoli al Torchio, Carne ai Ferri e buon vino locale.

Successivamente il nonno Augusto fu colpito da una malattia e decise di affidare il locale al figlio Renzo, attuale gestore che

con grande sentimento intraprese un lungo percorso che giunge fino ai giorni nostri.

Durante questo passaggio di consegne, il nonno Augusto riuscì a tramandare le antiche ricette all'attuale cuoca Giuliana Amalia, moglie di Renzo, che tutt'ora confeziona con le proprie mani con arte e semplicità.

Certo, sono trascorsi molti anni, ricchi di vicende a volte gradite a volte difficili, un imprecisabile numero di persone hanno incrociato questa incredibile storia,

..... ma siamo ancora Presenti.

 

 

f t g